Portesone - Barbazzano

2^a Camminata tra Storia e Natura - Domenica 22 Maggio 2016

VISITA GUIDATA ALLA SCOPERTA DEI BORGHI MEDIOEVALI DI PORTESONE E BARBAZZANO
PARTENZA DA TELLARO ORE 9,00 (scarica la locandina) (non è necessaria la prenotazione)

PRANZO AL SACCO E RIENTRO LIBERO

 

Partendo dalla piazzetta centrale di Tellaro, uno dei meravigliosi borghi marinari in provincia di La Spezia, si snoda una ripida scalinata che arranca verso le alture che proteggono il borgo e porta in luoghi abbandonati da tempo che solo qualche coraggioso contadino continua a visitare. In estate il profumo del finocchio marino è intenso e la scalinata sembra interminabile finché non si raggiunge un piccolo sentiero, l’H3. Il sentiero si snoda intorno agli olivi e offre moltissimi punti panoramici del borgo di Tellaro e della scogliera a dirupo sul mare; proseguendo sul ripido sentiero in direzione Lerici, altra meraviglia dello spezzino, si raggiungono i ruderi dell’antico borgo di Portesone. A 138m sul livello del mare questo antico villaggio agricolo-pastorale presenta poche case diroccate, soffocate dalla folta vegetazione, ma la struttura del paese è ancora visibile.

La storia documentata di Barbazzano è rintracciabile dall'anno 1152 all'anno 1584.Il borgo fortificato,compare costantemente in simbiosi con il castello di Ameglia con il quale condivide le sorti e la storia.

Barbazzano presidia l’omonimo distretto nella curia di Ameglia, le terre del vescovo, dove il vescovo esercita i poteri comitali e concede, a titolo di vassallaggio appezzamenti o redditi a laici o a istituzioni religiose. Solo nel 1186 esiste una formale sottomissione a Genova. Nelle sue pertinenze si trovano Portesone, Serra, Tellaro, Fornelo, Figino, Caporaqua, Canego, Mezzana, Cala, Cala solitana, Verazzano, Fratta, Valle di Stefano, Valdonega, Feschalino, La Platena , Carpeneta , Aramonte, Arliano, Picceta, Canneto, Marlamoza Maretima e Fabiano con altre località minori e difficilmente identificabili e la tanto ricercata Verrucola. Il borgo, strategicamente importante, ha avuto la sua origine in posizione chiave sulle vie conosciute di allora. (leggi la scheda su http://www.vivilerici.it/en/andare-a-spasso/percorsi-classici/175-barbazzano )

 

 

Portesone, nel distretto di Barbazzano

Portesone, feudo del vescovo conte, è la più grande corte del distretto di Barbazzano; nel luogo hanno possedimenti anche i monaci del monastero di San Venerio del Tino. Con l'espandersi di Genova, diventerà feudo dei Doria

 

Barbazzano dell'omonimo distretto

Barbazzano, terra dei vescovi - conti di Luni, nel luogo hanno possedimenti anche i monaci del monastero di San Venerio del Tino. Con l'espandersi di Genova, diventerà feudo dei Doria


 

  • La terra e il Mare
  • La Collina
  • I Borghi